Estate …

18813657_1352576271496857_4840750214035562275_n“Tutti avevano saputo della presenza di Laura, tutti meno una persona, che trascorreva le sue ore tra gli studi, la famiglia e il pianoforte. Aveva imparato a convivere con la sua malattia; non era poi così difficile: bisognava controllare l’angoscia e assumere una pillola al mattino. All’amarezza, invece, non c’era rimedio, anzi, il tempo contribuiva a corrodere l’animo. Così Guido trascorreva le sue giornate in esilio, nella villetta sul mare in Versilia, circondato dalla famiglia e dagli amici, con i quali si intratteneva da perfetto ospite, parlando con disinteresse delle cose più varie sotto gli sguardi premurosi di Pia. Era immerso in una tristezza talmente pervasiva da non distinguerne più nemmeno i confini.

I giorni per Laura, invece, trascorsero veloci, ora al riposo sotto il pergolato, ora al lago, stiracchiandosi al sole come un gatto o andando al mare con il fratello e con gli amici, tra cui Andrea, che lei aveva avvisato il giorno stesso del suo arrivo…”